Vasche volano

Know-how, esperienza e competenze per contrastare gli effetti del climate change

Oggi si sente spesso parlare di “Climate change” o cambiamento climatico i cui effetti spesso affliggono l’intero pianeta e, di conseguenza, anche il nostro territorio. BrianzAcque in quanto gestore idrico della Provincia di MB ha un ruolo molto importante per trovare delle misure di mitigazione a questi fenomeni.

Anche se il climate change presenta dimensioni glocal con fenomeni differenti a seconda di latitudini e longitudini che vanno dalla siccità alle alluvioni, in Brianza, le criticità maggiori si riscontrano a seguito di precipitazioni eccessive e ravvicinate in aree situate ai piedi delle zone collinari. Quando accade, l’acqua di scorrimento che spesso proviene da terreni agricoli, campi, parchi e grandi giardini privati, si riversa giù a valle ingrossandosi e provocando il rigurgito delle fognature pubbliche e causando allagamenti di strade, abitazioni con criticità che investono le attività antropiche nel loro complesso.  

Tra le misure di mitigazione a questo fenomeno ci sono vasche volano: grandi “bacini” in cui vengono temporaneamente immagazzinate le acque in eccesso rispetto alla capacità idraulica di smaltimento della rete fognaria.

Non solo, con i violenti e frequenti nubifragi che si verificano puntualmente durante il periodo estivo, nel luglio 2020 BrianzAcque ha avviato un tavolo di lavoro permanente per far fronte comune agli allagamenti e mettere in sicurezza idraulica i territori.  A lavorare insieme, in modo sinergico e trasversale contro gli effetti delle bombe d’acqua è stata proprio istituita una task force composta dai gestori idrici, dai Comuni, dalla Regione, dalla Provincia, dall’Ato, dalla Protezione Civile, dai Parchi. 

Tra i vari compiti del tavolo: la mappatura delle nuove situazioni di criticità delle acque di scorrimento da parte di ciascun comune, chiamato ad inviare segnalazioni e contributi a BrianzAcque, che fungerà da collettore di tutte le informazioni. Contestualmente raccogliendo le sollecitazioni delle Amministrazioni, l’azienda dell’idrico implementerà gli interventi di manutenzione e pulizia anche di quelle caditoie che, alla luce delle più recenti precipitazioni meteorologiche, hanno manifestato maggiori problematiche. Come pure, proseguirà gli interventi infrastrutturali già in corso per il contenimento delle acque, a cominciare dalla vasca volano di Bernate, cofinanziata da Regione Lombardia che è in fase di ultimazione.

8
Vasche realizzate
150
Vasche previste
6
Vasche in progettazione
44000
Volume (mc)
Vasca coperta più grande
500000
Volume (mc)
Totale previsto

Non solo, con i violenti e frequenti nubifragi che si verificano puntualmente durante il periodo estivo, nel luglio 2020 BrianzAcque ha avviato un tavolo di lavoro permanente per far fronte comune agli allagamenti e mettere in sicurezza idraulica i territori.  A lavorare insieme, in modo sinergico e trasversale contro gli effetti delle bombe d’acqua è stata proprio istituita una task force composta dai gestori idrici, dai Comuni, dalla Regione, dalla Provincia, dall’Ato, dalla Protezione Civile, dai Parchi.  
Tra i vari compiti del tavolo: la mappatura delle nuove situazioni di criticità delle acque di scorrimento da parte di ciascun comune, chiamato ad inviare segnalazioni e contributi a BrianzAcque, che fungerà da collettore di tutte le informazioni. Contestualmente e raccogliendo le sollecitazioni delle Amministrazioni, l’azienda dell’idrico implementerà gli interventi di manutenzione e pulizia anche di quelle caditoie che, alla luce delle più recenti precipitazioni meteorologiche, hanno manifestato maggiori problematiche. Come pure, proseguirà gli interventi infrastrutturali già in corso per il contenimento delle acque, a cominciare dalla vasca volano di Bernate, cofinanziata da Regione Lombardia che è in fase di ultimazione.